Forum Il Cavallo

Forum dedicato al cavallo che vanta innumerevoli tentativi di imitazione!!!
Oggi è 30/03/2017, 7:48

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Angioni e Oliveira
MessaggioInviato: 28/04/2011, 11:17 
Non connesso
Puledro

Iscritto il: 09/03/2011, 12:50
Messaggi: 58
Località: Milano
Sig. Colonnello.

scorrendo le pagine dedicate alla Sua carriera sportiva mi hanno colpito, tra le altre e per il loro apparente fuori-contesto, le fotografie scattate in compagnia di Nuno Oliveira.

L'incontro tra un ufficiale italiano, incarnazione del sistema caprilliano, e un cavaliere portoghese, espressione dell' “alta scuola” classica, mi affascina e incuriosisce molto.

La lettura degli scritti di Oliveira -fortunatamente pubblicati anche in italiano e, se mi è consentito, caldamente consigliabili- mette in risalto, al di là dell'aspetto puramente tecnico, una passione e un rispetto per il cavallo che caratterizzano la vera equitazione, ovunque e comunque praticata.

Se non lede la Sua riservatezza, quando trova il tempo, potrebbe raccontarci qualcosa di quell'incontro e dello scambio di idee ed esperienze che certamente l'ha accompagnato?

Grazie fin d'ora.

Carlo Valeriani


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Angioni e Oliveira
MessaggioInviato: 12/07/2011, 21:23 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: 26/02/2011, 7:31
Messaggi: 1004
Razza preferita: irlandese
Caro Carlo, non ho dimenticato. Risponderò al più presto volentieri. Perché è stata un'esperienza affascinante e arricchente. E' che ci vuole un po' di tempo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Angioni e Oliveira
MessaggioInviato: 13/07/2011, 10:36 
Non connesso
Puledro

Iscritto il: 09/03/2011, 12:50
Messaggi: 58
Località: Milano
Grazie sig. Colonnello, con tutto comodo.

Tra l'altro proprio questa mattina sono diventato proprietario della copia n. 320 di "A cavallo di un secolo" e ho visto che c'è un intero capitolo dedicato a Oliveira.

Quindi ho da leggere.

Cordialità.

Carlo Valeriani


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Angioni e Oliveira
MessaggioInviato: 13/07/2011, 23:52 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: 26/02/2011, 7:31
Messaggi: 1004
Razza preferita: irlandese
Com'è riuscito a trovarlo? E' un libro fuori commercio!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Angioni e Oliveira
MessaggioInviato: 14/07/2011, 8:19 
Non connesso
Puledro

Iscritto il: 09/03/2011, 12:50
Messaggi: 58
Località: Milano
Chi cerca trova, e internet è una miniera nascosta di tesori. Peccato che alcuni siano incompatibili con le mie tasche.

Il libro è bellissimo, l'ho divorato. Baucher e Oliveira li avevo letti, ma Amalfi non lo conoscevo.
E come sempre, leggendoLa, non mancano le sorprese. Ad esempio che Lei fosse un convinto baucherista non l'avevo ancora capito, l'avrei immaginata più vicino alla scuola di d'Aure. Ma forse, come l'Hotte che fu allievo di entrambi, Lei riesce a cogliere il meglio dei due insegnamenti e a farne sintesi.

Ma qui andiamo decisamente fuori tema (e che tema!).

Un cordiale saluto.

Carlo Valeriani

P.S: Il libro non riporta da nessuna parte la data di edizione. Può indicarmela?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Angioni e Oliveira
MessaggioInviato: 15/10/2011, 21:26 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: 26/02/2011, 7:31
Messaggi: 1004
Razza preferita: irlandese
Grazie per le sue parole. Il libro è stato pubblicato alla fine del 1984. O all'inizio del 1985? Ora controllo.

Non so perché abbia desunto che io sia un baucherista. Perché ho scritto un succinto ritratto di Baucher? L'ho fatto solo perché, similmente a Oliveira e Amalfi, uomini che avrebbero potuto essere utili se inseriti nelle alte istituzioni equestri, sono stati invece ignorati dalle istituzioni o dagli uomini delle istituzioni. Pensi a Oliveira. Se Oliveira avesse potuto presiedere la commissione dressage (sono costretto, mio malgrado, a scrivere il termine) della FEI, crede che il dressage avrebbe preso l'attuale indirizzo in cui, malgrado i libri (Il dito nella piaga), le critiche. gli articoli, l'evidenza dei film che si possono vedere in You Tube, il rollkur potrebbe fare piazza pulita dei principi della bella equitazione? Che stia prendendo sempre più piede lo dimostrano le riprese che si possono vedere in Class Horse TiVi. Cavalli con incollatura sempre più corta, sempre più incappucciati e nuca sotto il punto più alto del collo, contrariamente a quanto prescrive il regolamento e l'insegnamento dei grandi maestri che ha dato origine alla moderna equitazione accademica che si mostra nel rettangolo. Il rollkur sta prendendo piede anche nel salto ostacoli. Guarda ogni tanto CHTiVi?Oliveira, nel ... 1980, ha ricevuto una lettera dal presidente della FEI che lo invitava ad accettare l'incarico di giudice internazionale come un X.Y. qualunque (non faccio nomi perché non sta bene). Mi ha mostrato la lettera e la sua lettera di rifiuto per non doversi sedere, lui, grandissimo cavaliere, a fianco di giudici che non hanno mai addestrato un cavallo in vita loro per la competizione che giudicano.

Amalfi, lasciato il servizio, dopo un brevissimo periodo subito dopo la fine della guerra in cui a Pinerolo è stato chiamato da un suo allievo, il colonnello Conforti, che era a capo di un piccolo risorto Centro Militare Ippico, per dare una mano nel lavoro dei pochi cavalieri e pochi e modesti cavalli che erano sopravvisuti alla guerra, è stato ignorato fino alla morte dalla Federazione romana, in cui sedevano cavalieri tutti passati sotto le sue mani prima della guerra, iniziando dal presidente della FISE. Viveva a San Mauro Torinese, un paesetto nella cinta di Torino. La domenica faceva il commissario alle corse nell'ippodromo Mirafiori di Torino. Ed è stato l'uomo più intelligente e più colto della generazione successiva a quella di Caprilli che io abbia conosciuto, un uomo di cavalli completo (lavoro in piano, salto, corse, equitazione accademica). Pensi a quanto bene avrebbe potuto fare all'organizzazione equestre italiana e soprattutto all'insegnamento. Certo: non me lo vedo seduto nei salotti di Class Horse TiVi ad applaudire.

Sono stato un cavaliere sportivo (salto, campagna), anche se, per amore della conoscenza, ho lavorato a lungo con maestri accademici. Baucher per l'equitazione sportiva sarebbe, è un disastro. D'altra parte non potrebbe esser diversamente: in tutta la sua vita ha lavorato soltanto nella piccola pista circolare (m 13 di diametro) del circo equestre. Non credo che abbia mai sentito un cavallo fare un galoppo allungato. La sua visione o la sua sensazione del cavallo ne è stata gravemente limitata.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Angioni e Oliveira
MessaggioInviato: 29/11/2011, 19:32 
Non connesso
Puledro

Iscritto il: 01/03/2011, 19:55
Messaggi: 151
Buongiorno Col. Angioni
spero di non essere fuori tema in questa discussione, ma mi piacerebbe sentire un suo commento su questo filmato del maestro Oliveira. E' un filmato stupendo. http://youtu.be/TfiTTyi2He8
Rimango a bocca aperta ogni volta che lo vedo. Non pensavo si potesse lavorare un cavallo in quel modo in cosi poco spazio con quella serenità.
Quando il generale l'Hotte scrive in Questioni Equestri:
"cavallo calmo, avanti, diritto" posso pensare :" ecco questo è quello che voleva dire".

Cordiali saluti
Stefano


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010