Forum Il Cavallo

Forum dedicato al cavallo che vanta innumerevoli tentativi di imitazione!!!
Oggi è 30/03/2017, 7:43

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 15/06/2012, 16:14 
Non connesso
Da museo
Avatar utente

Iscritto il: 22/02/2011, 10:02
Messaggi: 5704
Località: Emilia e dintorni
Razza preferita: maremmano
Album personale: viewtopic.php?f=15&t=127
Caro Colonnello,
ricercando in internet video su alcuni esercizi di alta scuola "semplici" per me comune mortale ho trovato questo video...

http://www.youtube.com/watch?v=PlH2slGc ... re=related

Mi ha impressionato vedere eseguire figure di alta scuola e "dressage" in modo diverso dall'uso attuale "moderno" e spprattutto con il tradizionale modo di tenere ad una mano la briglia (e non le briglie...indicativo gia questo).
Spero abbia piacere e tempo di visionarlo e spiegare le varie manovre e un suo parere.
Attendendo
Saluti
Gabriella

_________________
La leggerezza si associa sempre e comunque alla precisione ed alla determinazione

Italo Calvino


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 15/06/2012, 19:31 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: 26/02/2011, 7:31
Messaggi: 1004
Razza preferita: irlandese
Cara Gabriella, dovrei scrivere un libro per risponderle nel modo dovuto. Ho avuto il tempo di guardare solo il primo film del link che ha inviato. Non ho visto redini tenute in una sola mano. Una volta (ancora oggi i butteri e nella monta americana), specialmente per lavorare e nella cavalleria, ma anche nell'impiego civile del cavallo, si imparava a montare, da subito, tenendo le redini nella sola mano sinistra, che era appunto chiamata "mano della briglia", perché l'altra mano era destinata a tenere la bacchetta (frusta), il laccio (lazo), il bastone, l'arma, eccetera. Grisone, 1550, quando descrive il carattere e la qualità dei cavalli secondo le loro balzane, non scrive "balzano all'anteriore sinistro", ma "balzano della man della briglia", e del destro, "balzano della man della lancia". Così pure, tanto per integrare, non scrive "balzano al o del posteriore sinistro", ma "balzano del piè della staffa", perché era con il piede sinistro nella staffa sinistra che si montava (e si monta) in sella.

Il cavallone del film di cui ha inviato il link fa uno strano lavoro. Innanzi tutto è permanetemente incappucciato. La descrizione che segue non è equitazione, ma locomozione = come si muove il cavallo in natura. Mi limito a un particolare fondamentale.

Si dice da lungo tempo che il passo è la madre di tutte le andature. Vero.

Il passo è un'andatura "basculata". Il cavallo, durante un passo completo, si trova in appoggio sei volte su un diagonale o su una base tripedale e due volte su una base laterale. Durante l'appoggio sulle basi laterali (bipede laterale), per restare in equilibrio, il cavallo sposta l'incollatura sul laterale in appoggio. Quindi oscillazione laterale, ridotta a pochi centimetri (circa 5 gradi). Oscilla il collo sul piano verticale due volte in accordo con la posata degli anteriori. Non lo fa per divertimento o per bellezza o per stranezza. Non è un di più trascurabile. E' essenziale alla natura del movimento. Lo fa perché è la corretta naturale locomozione, madre natura, a volerlo. L'oscillazione del collo e della testa fa parte del movimento del passo, come il movimento degli arti. Rende più facile, più sciolto, più agile e meno faticoso il movimento e anche più bello. Come per noi il movimento delle braccia: avanzamento e arretramento, che avvengono contemporaneamente all'avanzamento e all'arretramento della gamba opposta. Il massimo avanzamento del braccio destro avviene quando il tacco del piede sinistro tocca il suolo. Chiunque cammini svelto per un lungo tratto lasciando libere le braccia e poi per un lungo tratto fermando i gomiti ai fianchi potrà verificare la differenza.

E' stato calcolato che un cavallo che percorre al passo 10 chilometri fa circa 5000 passi con le redini abbandonate, quindi con l'incollatura libera. Con le redini corte, quindi limitazione dell'oscillazione dell'incollatura, fa un quarto di passi in più, cioè 1250 passi in più, cioè in totale fa 6250 passi, con maggior dispendio di energia, anche per sopportare la limitazione imposta dalla mano (Roland de Weck, Messieurs à vos chevaux, Bern 1969). Ancora da de Weck: teoricamente la lunghezza di un passo normale (noi l'abbiamo chiamato medio) è sei quinti dell'altezza del cavallo al garrese, che corrisponde a circa due metri. Un passo di circa due metri si ottiene con le redini abbandonate. Con le redini giuste il passo si accorcia di 20 cm, con le redini corte (tese) il passo si accorcia di circa 50 cm. Il cavaliere, che è una donna, ha le mani ferme tra garrese e collo e non le muove di un centimetro.

Il baio durante il lavoro (mi pare a volontà) nel rettangolo si muove a lungo al passo. La testa è ferma, bloccata, non si alza e non si abbassa di un centimetro.

Lo stesso si dica del galoppo, altra andatura "basculata". L'incollatura oscilla sul piano verticale. Arriva a oscillare di 30 gradi nel galoppo veloce. Il baio ha l'incollatura bloccata. Ripeto: questi non sono giudizi che riguardano l'equitazione, ma il movimento del cavallo che non dipende dall'equitazione, ma dalla natura. Prima di tutto, che faccia addestramento, completo, salto o passeggiate di svago, il cavallo deve muoversi secondo le leggi della natura.

Quella che si vede nel film non è equitazione. E' impiego grossolano del cavallo.

L'alt finale è un capolavoro. E' uno stop come di fa nella monta da lavoro. Mai visto fare in un rettangolo un alt così. Che non è esattamente equitazione chiamiamola classica.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 18/06/2012, 14:29 
Non connesso
Da museo
Avatar utente

Iscritto il: 22/02/2011, 10:02
Messaggi: 5704
Località: Emilia e dintorni
Razza preferita: maremmano
Album personale: viewtopic.php?f=15&t=127
Carissimo Colonnello come sempre la sua grandissima sapienza ed esperienza sono una felicità per noi appassionati.
Mi sono resa conto dopo aver messo il collegamento che questi riportava ad una serie di filmati e non all'unico che desideravo farle vedere, relativi a questa amazzone ed altre ed alla scuderia di appartenenza che per la maggior parte pratica monta da lavoro e "barocca" come viene definita (che etichetta deludente). In uno di essi comunque c'era u prova di "monta da lavoro" in effetti altra cosa dalla classica ma interessante sempre per l'uso di una sola mano e mi sarebbe piaciuto, data la sua grandissima esperienza con maestri di ogni disciplina.
Visto che attualmente per infortunio e per lungo tempo sarò abile sono con la mano sinistra speravo di poter fare piccoli esercizi su suo suggerimento.
Con affetto
Gabriella

_________________
La leggerezza si associa sempre e comunque alla precisione ed alla determinazione

Italo Calvino


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010