Forum Il Cavallo
http://www.forumcavallo.it/

Problemi con gli altri cavalli
http://www.forumcavallo.it/viewtopic.php?f=34&t=23736
Pagina 1 di 1

Autore:  labritos [ 03/12/2016, 7:55 ]
Oggetto del messaggio:  Problemi con gli altri cavalli

Buongiorno Colonnello,
mi piacerebbe conoscere il Suo pensiero su un problema comportamentale del mio cavallo che data la mia poca esperienza non riesco ad inquadrare.
Veniamo ai fatti:
il cavallo è un bel sella italiano castrone di 5 anni, in buona salute e lavorato costantemente sotto la direzione del mio istruttore.
È con me da circa un anno e mezzo e nonostante la sua giovane età è bravo sugli ostacoli, generoso e anche rispettoso.
Viene montato ogni tanto dal mio istruttore in modo che non prenda troppi vizi che io sicuramente gli trasmetterei.
È già uscito in concorso con lui e ultimamente l’ho montato io in un paio di percorsi di 90 cm con ottimi risultati.
Cosa volere di più ?
Il grosso problema è il suo comportamento in presenza di altri cavalli. Sia a casa che in campo prova l’avvicinarsi di un suo simile scatena reazioni che mettono a dura prova chiunque sia in sella.
Voltafaccia, sgroppate, fughe questo è il suo repertorio normale.
La cosa per me strana è che non sembrerebbero comportamenti dovuti alla paura in quanto spesse volte è lui che vorrebbe andare verso gli altri cavalli e se mi trovo in campo con un cavallo che mi precede cerca di raggiungerlo ad ogni costo.
Devo però dire che quando percepisce la presenza di un cavallo che lo sta raggiungendo da dietro, al trotto o al galoppo, spesso scatta la reazione.
Aggiungo che le sue reazioni sono repentine ma non prolungate, nel senso che finito il “pericolo” si rimette agli ordini anche se rimane sempre in attenzione verso gli altri.
Mi piacerebbe capire i motivi del suo comportamento così da poter mettere in campo qualche strategia appropriata per provare a risolvere il problema.
Capisco che in due parole non si riesca a fare un quadro completo e quindi se le servono altri elementi per esprimere un Suo parere sarò lieto di provare ad integrare il mio racconto.
La saluto
Cordialmente
Franco

Autore:  Col. Paolo Angioni [ 05/12/2016, 10:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Problemi con gli altri cavalli

Caro Franco, ho avuto anch'io cavalli con reazioni simili. Tenga conto che - quando ero cavaliere militare - il Centro Preolimpionico Ippico Militare poi Scuola Militare di Equitazione, poi non so che nome avesse o abbia, aveva in scuderia, tra cavalli da salto, completo e puledri da iniziare, circa 200 cavalli. I cavalli non li sceglievo io, ma mi venivano assegnati dal capo sezione, talvolta competente (Piero d'Inzeo) e talaltra incompetente (non faccio nomi). Per cui i cavalli che ho montato in quindici anni di servizio al Ce.P.I.M. sono stati centinaia. Poi aggiunga i cavalli della FISE che ho montato al Centro Equestre Federale ai Pratoni del Vivaro con Mangilli capo centro per la preparazione delle olimpiadi di Tokyo, Messico e Monaco (ultime che non ho fatto a causa di un incidente alla vigilia della partenza). Ho fatto questa lunga premessa per informarla che ho una bella esperienza a proposito di cavalli diversi e con difficoltà (per lo più dovute a un errato addestramento iniziale). Ho fatto lotte per lo più perse con tanti cavalli difficili. Quando, dopo alcuni anni, ho conquistato il privilegio di poter lavorare di testa mia e specialmente dopo aver lasciato il servizio, ho potuto applicare quello che imparavo dallo studio dei libri di autori eccellenti e sicuramente affidabili e dal lavoro con illustri maestri (per esempio Chammartin od Oliveira). Vengo alla risposta alla sua domanda. Non si può conoscere un cavallo, per quante minute descrizioni si possano fare, se non lo si monta, anche solo dieci minuti. Cosa deve fare? Primo: mettere il cavallo alla corda a lungo, solo trotto, e insegnargli a rispondere ai comandi della sua voce. Secondo, fatto questo primo indispensabile passo, abituare il cavallo a stare sotto mano, lei in sella a un cavallo tranquillo e sicuro, alla sua destra, con una corda da scuderia tenuta dalla sua mano destra, agganciata (moschettone) all'anello interno del filetto (obbligatorio filetto snodato con stanghette), la testa del cavallo sotto mano all'altezza della sua gamba destra. Passo e trotto, a lungo (molto più di un'ora) e per tanti giorni. Mi faccia conoscere, se gradisce e metterà in pratica il mio consiglio, il risultato. Poi le indicherò come procedere. Un cordiale saluto e buon lavoro. Paolo Angioni

Autore:  Crisabell [ 05/12/2016, 21:52 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Problemi con gli altri cavalli

Se il tuo cavallo ha dei problemi con altri cavalli prova a metterlo accanto a un pony molto più piccolo di lui magari un pony shettland, non l'ho mai provato di persona a farlo ma l'ho letto da molti libri di addestramento di cavalli e anche la mia istruttrice l'ha provato e ha detto che funziona.
Crisabell

Autore:  Crisabell [ 05/12/2016, 21:54 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Problemi con gli altri cavalli

Se il tuo cavallo ha dei problemi con altri cavalli prova a metterlo accanto a un pony molto più piccolo di lui, magari un pony shettland, non l'ho mai provato di persona a farlo ma l'ho letto da molti libri di addestramento di cavalli e anche la mia istruttrice l'ha provato e ha detto che funziona. Spero davvero che funzioni.
Crisabell

Autore:  labritos [ 07/12/2016, 17:52 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Problemi con gli altri cavalli

Grazie Colonnello per la pronta risposta.
Dunque, per il punto primo seguendo da tempo i Suoi interventi sul forum, lavoro alla corda con comandi di voce e devo dire che il mio cavallo risponde bene.
Il problema è il punto secondo e mi spiego.
Non dispongo di un cavallo con quelle caratteristiche e non mi sento così sicuro da condurre un cavallo sotto mano cavalcando.
Non è che avrebbe una soluzione due ?
Un cordiale saluto
Franco

Autore:  Col. Paolo Angioni [ 11/12/2016, 17:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: Problemi con gli altri cavalli

Soluzione: metta il cavallo insellato alla corda a lungo, solo trotto, filetto con stanghette e niente altro. Il cavallo deve essere quasi stanco. Sperando che disponga di un terreno abbastanza ampio. non stia fermo facendo girare il cavallo in circolo, ma si muova con il cavallo, se può corra alla sua altezza, alle due mani e, con li frustone puntato contro il cavallo, lo obblighi a trottare in linea retta, senza venire verso di lei. Poi monti. Un po' di passo per far riposare il cavallo, poi lavori come è abituato. Appena il cavallo dovesse fare qualche difficoltà, anche solo un accenno d'inizio di difficoltà, non intervenga, non cerchi di correggere o combattere stando in sella. Smonti immediatamente e rimetta il cavallo alla corda, a lungo, per tutto il tempo che ha a disposizione, solo trotto alle due mani, come sopra. Rimonti. Alla prima difficoltà, piede a terra e lavoro alla corda. Poi riporti il cavallo in scuderia. Questo lavoro va ripetuto per tutta una settimana. Mi faccia conoscere il risultato. Poi le scriverò che fare. Buon lavoro. Angioni.

Autore:  global02 [ 13/12/2016, 12:05 ]
Oggetto del messaggio: 

up top

Pagina 1 di 1 Tutti gli orari sono UTC + 1 ora
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
https://www.phpbb.com/