Forum Il Cavallo

Forum dedicato al cavallo che vanta innumerevoli tentativi di imitazione!!!
Oggi è 21/08/2018, 9:38

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 07/08/2018, 17:33 
Non connesso
Puledro

Iscritto il: 27/06/2015, 17:59
Messaggi: 4
Innanzitutto desidero salutare tutto il forum, presentarmi, e ringraziare coloro che dedicano il Loro tempo a scrivere di equitazione; in testa, doverosamente, il Col. Paolo Angioni i cui testi hanno grandemente contribuito, nel tempo, a portare un po' di luce nelle mie tenebre equestri.
Parlo di tenebre giacchè non è difficile ascoltare insegnamenti su: "come partire al galoppo", ma è oltremodo arduo che chi insegni sia consapevole dei meccanismi fisici, dinamici e addestrativi per i quali l'evento si materializza e, sopra ogni cosa, diviene ripetibile, sempre uguale, a desiderio e comando del cavaliere.
Considero i testi classici insostituibili sotto questo profilo e ritengo che l'equitazione ad alto livello, in modo non dissimile da ogni altra disciplina, non possa prescindere, nella formazione di un Cavaliere degno di questo nome , dalla lettura dei libri dei Grandi Maestri. Ciò è reso vieppiù necessario dalla scarsità di Istruttori degni di questo nome nel panorama attuale.

Non desidero però dare agio ad una vis polemica e vengo al mio quesito:

Da qualche mese oramai e molto per merito di alcune recenti letture ("Academic Equitation", "Equitare con sentimento" et altri..) il mio assetto in sella è migliorato in maniera più che sensibile. La comprova di ciò l'ho veduta nel comportamento del cavallo che appare più in equilibrio con una meno marcata tendenza a stare "sulle spalle". In realtà questo difetto che attribuivo alla montura era da ascriversi (come è quasi sempre) ad incompetenza mia; segnatamente, alla mia tendenza a stare in avanti. L'ossessione negli anni di gioventù per la posizione della gamba mi ha sempre spinto a trascurare il busto ed a rimanere molto in sospensione, trascurando quasi completamente l'assetto. Riprova ne sia la mia ritrosia a trottare e galoppare seduto.
Io credevo di seguire con le anche, ma in realtà il mio bacino spingeva all'indietro, ostacolando il movimento in avanti del cavallo.
Oggi le cose sono progredite ed il passo è divenuto più attivo, grazie al bacino che dà impulso a ritmo dei posteriori sebbene a prezzo di un avanzamento della gamba in posizione meno corretta. Sto tentando ora di correggere il difetto.

Desidererei che qualcuno desse libero corso alle proprie convinzioni in merito il rapporto esistente tra il ruolo del bacino del cavaliere ed il controllo delle anche del cavallo e l'impegno del posteriore.

Un ringraziamento per quanto ognuno vorrà scrivere.

Un cavalleresco saluto,

Leo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 12/08/2018, 18:08 
Non connesso
Instancabile atleta
Avatar utente

Iscritto il: 03/03/2011, 11:53
Messaggi: 3662
Località: montepulciano
Razza preferita: anglo arabo
Album personale: viewtopic.php?f=15&t=10239
ciao, innanzitutto benvenuto nel forum!
Premetto che non voglio assolutamente creare polemiche ,ma in passato, su questo forum mi sono espressa molte volte riportando i concetti che hai riportato anche tu in questo topic.

Anni fa avevo aperto un topic "Isodinamica ed Equimozione", dove,appunto,analizzavo un po' la questione del rapporto fra assetto del cavaliere e impegno dei posteriori, rifacendomi soprattutto ai Quaderni " Equitare con Sentimento".

Non volevo fare nessun sermone nè tantomeno insegnare, ma riportavo le mie esperienze dirette paragonandole a quanto, in un secondo momento,avevo letto su vari testi.

In pratica, prima avevo seguito le direttive del mio istruttore nell'addestrare un puledro ritirato dalle corse e poi avevo ritrovato queste "linee guida" ampiamente spiegate su vari testi anche da un punto di vista scientifico, fisiologico e psicologico (sono un medico e mi piace trovare spiegazioni in tal senso).

Rispondendo alla tua domanda, dico che certamente l'assetto ha un ruolo fondamentale nel modificare e determinare l'equilibrio del cavallo, nel richiamare i posteriori sotto la massa, nel "distribuire" il peso del cavallo nei vari esercizi e nei vari movimenti.

Non voglio prendermi troppo spazio, ma l'argomento è vastissimo ed interessantissimo.
Un saluto

_________________
"il più delle volte si chiede troppo con le mani (o il morso) e non ci si serve abbastanza delle gambe (o dello sperone)"
Generale L'Hotte


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010